Martedì 26 Settembre 2017

trainig_icon

 

PROGRAMMA DEL CORSO

Il corso "Rilassarsi con il Training Autogeno" prevede la pratica di una serie di esercizi utili a raggiungere uno stato di benessere psicofisico.

A COSA SERVE:

• a raggiungere uno stato di calma e rilassamento;

• ad autoregolare funzioni corporee altrimenti involontarie;

• a superare i momenti di stanchezza;

• a prevenire disturbi psicosomatici;

• a migliorare le prestazioni;

• a migliorare la concentrazione, la memoria, l’autocontrollo;

• a diminuire la percezione del dolore.

DURATA E FREQUENZA DEL CORSO

Il corso è strutturato in 8 incontri della durata di un’ora e mezza ciascuno.

È necessario munirsi di un semplice tappetino da palestra e vestirsi con un abbigliamento comodo.

 

PER SAPERNE DI PIU’…

Gli esercizi si dividono in:

Esercizi fondamentali

• esercizio della pesantezza: produce uno stato di rilassamento muscolare, ovvero di rilassamento dei muscoli striati e lisci;

• esercizio del calore: produce una vasodilatazione periferica con conseguente aumento del flusso sanguigno.

Esercizi complementari

• esercizio del cuore: produce un miglioramento della funzione cardiovascolare;

• esercizio del respiro: produce un miglioramento della funzione respiratoria;

• esercizio del plesso solare: produce un aumento del flusso sanguigno in tutti gli organi interni;

• esercizio della fronte fresca: può favorire l'eliminazione di eventuali mal di testa, poiché produce un leggera vasocostrizione nella regione encefalica.

CHE COS’E’ IL TRAINING AUTOGENO?

Il T. A. è una psicoterapia o una tecnica terapeutica (dipende dal modo in cui viene utilizzato) creata e sviluppata da Johannes Schultz (1884-1970), medico e psichiatra intorno agli anni ’20.

Schultz, nel sottotitolo del suo “Il training autogeno”, definisce lo stesso come “autodistensione da concentrazione psichica”, realizzabile attraverso “un esercizio sistematico (che si sviluppa da sé e plasma il nostro io) per la formazione di se stessi”.

La parola T. A. è composta da: Training, termine che può essere tradotto con addestramento, allenamento o formazione; Autogeno, che vuol dire spostamento che si genera da sé (da greco auto = se stesso e gnès = che è nato).

Schultz elaborò il T. A. seguendo due vie: da una parte, lesse tutto quanto poté sullo yoga e su altre discipline psicofisiche orientali (motivo per cui in America il T. A. è anche chiamato “a kind of Western Yoga”); dall’altra, studiò e sperimentò l’ipnosi, l’autosuggestione e l’autoipnosi. Il T. A., dunque, altro non è che una combinazione di queste tecniche, dove la disciplina yoga va intesa come una regolazione conscia di quelle funzioni che, normalmente, sono controllate dal Sistema Nervoso Autonomo (SNA) e, di conseguenza, considerate involontarie.

Molto spesso si è tentato di semplificare il T. A. definendolo come una tecnica di rilassamento, ma non è proprio così. Il rilassamento è da considerarsi come il primo di una serie di gradini. In realtà, il T. A. è una tecnica di cambiamento globale, che produce, in chi lo pratica, reali modificazioni fisiologiche e psichiche. Il cambiamento prodotto prende il nome di commutazione autogena.

Il T. A. è composto da 2 esercizi fondamentali e 4 complementari, che sono:

- Esercizio della pesantezza

- Esercizio del calore

- Esercizio del cuore

- Esercizio del respiro

- Esercizio del plesso solare

- Esercizio della fronte fresca

Secondo Schultz, con il T. A. si possono raggiungere:

  1. riposo;
  2. autodistensione;
  3. autoregolazione delle funzioni corporee normalmente ‘involontarie’;
  4. eliminazione del dolore;
  5. autodeterminazione (tramite formulazione di proponimenti);
  6. autocritica e autocontrollo (tramite l’introspezione) (Hoffmann, p. 8).

Lo scopo del T. A. è quello di inglobare tutto il sistema omeostatico del nostro organismo.


QUAL E’ IL SISTEMA OMEOSTATICO E CHE COSA HA A CHE FARE CON IL NOSTRO ORGANISMO?


Per capire come funziona il T. A. è di fondamentale importanza conoscere l’attività del Sistema Nervoso (S.N.).

Il S.N. si divide in:

- Sistema Nervoso Centrale (S.N.C.) comprendente il cervello ed il midollo spinale;

- Sistema Nervoso Periferico (S.N.P.).

Il S.N.C. è il centro di comando del nostro corpo, regolandone ed integrandone le funzioni, ed è considerato anche il centro del pensiero cosciente.

Il S.N.P. è comunemente diviso in:

- Somatico (S.N.S.), deputato al controllo dei movimenti volontari;

- Autonomo (S.N.A.), deputato al controllo degli organi che funzionano in modo involontario.

Schwartz (1970) ha sottolineato che, nonostante il S.N.A. non richieda una regolazione conscia, la sua funzione è comunque influenzata dal S.N.C., che facilita i continui aggiustamenti somatici e viscerali, indispensabili per via dei continui cambiamenti ambientali. Si ritiene, tuttavia, che quando la funzione autonoma omeostatica è sovrastimolata da un input del S.N.C. (per esempio, in uno stato di stress), si sviluppi una frattura nell’autoregolazione, creando un sentiero per lo stress, il quale può provocare disfunzioni psicofisiologiche (ad esempio, mal di testa o ipertensione). Quando le richieste sono eccessive, il corpo in un primo momento si attiva per fronteggiarle, resiste per un certo periodo di tempo, dopo di che diventa esausto. Tutto ciò implica una varietà di conseguenze negative per la nostra salute come, ad esempio, l’eccessiva attivazione cardiovascolare, elettrocorticale ed ormonale.


COME AGISCE IL TRAINING AUTOGENO SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE?


Gli obiettivi del T. A. sono di ridurre gli input del S.N.C., come quelli che abbiamo visto esserci durante un periodo di stress, e di facilitare il ritorno all’autoregolazione dell’attività viscerale, che si ritiene sia regolata dal S.N.A.

 

Contattami gratuitamente per avere maggiori informazioni!


 

Articoli & News

Questo sito utilizza cookies tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione e per altre funzioni (statistiche, moduli di contatto, mappe).

Cliccando sul pulsante ACCETTO, acconsenti l'utilizzo dei Cookies. Per saperne di più, leggi la privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information